Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

Perché Capodanno?

Perché Capodanno?

 Email

L’arrivo di Tu Bishvat, capodanno degli alberi, solleva sempre la consueta domanda: è davvero necessario chiamarlo "capodanno" allorchè non riguarda direttamente la specie umana? Eppure i Testi sacri ci impongono la sua celebrazione e il tradizionale assaggio delle sette specie della Terra d’Israele.

Il celebre versetto “Ki haadam etz hassadé – Perchè l’uomo è come un albero dei campi” ci fornisce la risposta: oltre al messaggio ecologico ante litteram, esistono tra l’uomo e l’albero elementi comuni importanti. L’albero, solidamente radicato alla terra, sua nutrice, si sviluppa armoniosamente fino a produrre frutti che procureranno all’uomo il senso del “piacere” e della “delizia”. Questo è in realtà uno dei primi ritratti dell’essere umano il cui sviluppo spirituale, intellettuale e morale si basa solo sulla robustezza delle sue radici e sulla qualità del “suolo” in cui sono fissate. Esiste un futuro per gli alberi senza passato, senza radici solide? No! Esiste un futuro per l’essere umano senza passato? No! Inoltre, l’albero raggiunge la sua compiutezza tramite i suoi frutti che sono lo scopo della sua esistenza e quindi il suo incoronamento. La vita dell’uomo è paragonabile a quella dell’albero, in quanto la sua vita assume un senso solo se è promettente, prolifica e creatrice di un futuro ricco di risultati che l'uomo sarà in grado di tramandare ai discendenti, i quali potranno godere anch'essi delle "delizie", morali e spirituali, s'intende. Come l’albero, l’uomo è una creatura che si coltiva, le cure e le premure che le si prodigano agevoleranno la piena espressione della sua potenzialità. E tutto ciò comincia dall’educazione che gli verrà proposta.

Questa ricorrenza è preceduta dal 10 Shevat, anniversario della scomparsa del Rebbe precedente e dell’inizio dell’opera del suo successore. Questo mese è quindi doppiamente significativo per noi in quanto recante due date entrambe pregne del medesimo messaggio, che il nostro Rebbe instancabilmente si è adoprato a trasmetterci : “Innazittutto, educate i vostri figli, insegnate loro la bellezza della nostra Torà!”

Da Pensieri di Torà, una pubblicazione settimanale pubblicata da Chabad a Viale Libia Roma
© Copyright, tutti i diritti riservati. Se ti è piaciuto questo articolo ti incoraggiamo a condividerlo con altri, attendendosi alle regole di copyrightdi it.Chabad.org.
 Email
Start a Discussion
1000 Caratteri restanti