Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

Dentro un Frutto: di Successo in Successo

Dentro un Frutto: di Successo in Successo

 Email

Tu Bishvat è il cosidetto “capodanno degli alberi”. A partire da questa data si considera superata la fase più rigida dell’inverno; la natura rinasce a poco a poco, ricominciano a spuntare i primi germogli che sbocceranno più tardi, in primavera.

Vi sono svariati usi legati a questa festività; quello più comune consiste nel mangiare in questo giorno frutta di albero. In genere si consumano i cinque frutti della Terra d’Israele (uva, fico, melograno, fico, dattero) e altre specie. Alcuni di questi frutti però non sono di stagione e di conseguenza si consumano come frutta secca e non fresca. Che senso ha però consumare i frutti e dire l’apposita benedizione, nel giorno in cui la natura rifiorisce, su cibi che non sono ancora cresciuti e maturati?

Ogni specie ha i suoi tempi di crescita e maturazione: dai 52 giorni, (così afferma la Ghemarà), del grano, ai 70 anni della palma da dattero. Settimane, mesi, anni di duro e costante lavoro per contadini e coltivatori! Selezionare i semi, arare, seminare nella speranza che crescano le radici; nell’attesa il terreno va curato e protetto. Allo spuntare del primo germoglio, il contadino è soddisfatto e si sente pienamente realizzato quando alla fine può cogliere l’ortaggio. Ogni prodotto contiene in sé tutto lo sforzo e la fatica che è costato. Giorni, settimane e mesi di pioggia e vento; giorni e notti trascorse a progettere il terreno e il raccolto da uccelli e parassiti; ore passate pregando D-o affinché conceda pioggia e rugiada al tempo giusto. Dentro un frutto c’è anche tutto questo.

In effetti, qualsiasi progetto l’uomo voglia realizzare richiede tempo, sforzo e fatica. Alcuni traguardi paiono all’inizio lontanissimi; qualsiasi impresa si voglia intraprendere è come piantare un orto. Il frutto di Tu Bishvat simboleggia tutto ciò ed è un assaggio del frutto che si mangerà in stagione, il fatto di mangiare il frutto prima che sia cresciuto è un incoraggiamento ad affrontare il periodo di lavoro e rafforza la fiducia nel fatto che D-o, che ha creato il frutto, coronerà di successo lo sforzo dell’uomo.

Ogni stagione rappresenta una tappa nella vita dell’uomo e ogni giorno è come se fosse Tu Bishvat: ogni mattina ci si agginge ad afrontare le sfide che la giornata ci porterà, assaporando però già la soddisfazione della sera e con piena fiducia in D-o. D-o ci sostiene e porta al successo le imprese iniziate a fin di bene.


Dalla frutta secca di Tu Bishvat si passa più avanti a mangiare la frutta fresca maturate, benedicendo D-o che ha creato il frutto e che ha coronato di successo lo sforzo dell’uomo per farlo crescere. Così, da un successo che semplicemente si assapora si passa al successo concreto e il risultato ottenuto con l’aiuto di D-o è addirittura superiore allo sforzo. Dice il verso: “ielchù mechail el chail’ ovvero, che procedano di trionfo in trionfo, fino a vedere l’avvento di Mashiach con i propri occhi.

Di Deborah Cohenca, tratto da Lechaim.

Tratto dal periodico Lechaim
© Copyright, tutti i diritti riservati. Se ti è piaciuto questo articolo ti incoraggiamo a condividerlo con altri, attendendosi alle regole di copyrightdi it.Chabad.org.
 Email
Start a Discussion
1000 Caratteri restanti