Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

Vayakhèl-Pekudé in Breve

Vayakhèl-Pekudé in Breve

Esodo 38:21-40:38

 Email

Moshè raduna il popolo d’Israele, ribadendogli il comandamento di osservare lo Shabbàt. In seguito comunica loro le istruzioni del Sign-re riguardo alla costruzione del Mishkàn, il Tabernacolo. Il popolo dona i materiali richiesti, portando oro, argento, rame, lana azzurra, viola e rossa, pelo di capro, lino, pelli di particolari animali, legno, olio d’oliva, aromi e pietre preziose. Le donazioni sono talmente abbondanti che Moshè deve ordinare di interromperne l'afflusso.

Un gruppo di geniali artigiani costruisce il Mishkàn e i suoi arredi: tre strati di coperture per il tetto, quarantotto assi ricoperte d’oro per le pareti, cento plinti d’argento, la parochet, ossia il divisorio che separa le due stanze del Santuario e il massàch, la tenda d'ingresso; l’Arca Santa, il shulchàn (il tavolo con i cosiddetti Pani di Presentazione), la menorà (il candelabro a sette bracci con l’olio speciale), il mizbéach hazahàv (l’altare d’oro) e l’incenso , l’olio per l’unzione, il mizbeach hachitzòn (l’altare esterno), i plinti e i tendaggi del chatzèr (il cortile) e infine il kiyòr (il lavabo di ottone).

Viene quindi eseguito un inventario dell’oro, dell’argento e del rame donato dal popolo. Betzalèl e Aholiàv insieme ai loro assistenti confezionano gli otto abiti del Sommo Sacerdote in base alle istruzioni di Moshè, riportate nella parashà di Tetazvè.

© Copyright, tutti i diritti riservati. Se ti è piaciuto questo articolo ti incoraggiamo a condividerlo con altri, attendendosi alle regole di copyrightdi it.Chabad.org.
 Email
Start a Discussion
1000 Caratteri restanti