Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

La Tefillà e la Sefirà

La Tefillà e la Sefirà

 Email

La parashà parla del precetto della Sefiràt Haomer , il conteggio dell'offerta d'orzo, che consiste nel contare i 49 giorni che intercorrono dalla seconda sera di Pesach fino a Shavuòt. Tra questa mitzvà e la Tefillà (preghiera) esiste un legame di non trascurabile importanza. Infatti, il conteggio è inserito nel Siddur (libro di preghiere) pur non recando apparentemente gli aspetti caratteristici delle preghiere, che principalmente sono espressioni di lode o di richieste a D-o. La Sefiràt Haomer non è né una lode né una richiesta.

La Tefillà viene chiamata “il servizio del cuore”, come afferma Maimonide: “L’obbligo di questa mitzvà è di implorare D-o e lodarlo, e in seguito esprimere le proprie richieste”.

Le Mitzvòt si dividono in due categorie:

1- Mitzvòt che si applicano tramite l'azione (ad esempio i tefillin);

2- Mitzvòt che si applicano tramite la parola (ad esempio la narrazione dell’esodo dall'Egitto, la lettura della Meghillat Ester ecc.).

In entrambi i casi, i sentimenti che si coinvolgono nell'azione o nelle parole pronunciate non sono parte integrante della mitzvà stessa, a differenza della Tefillà per la quale la meditazione su ciò che si pronuncia è essenziale allo svolgimento della mitzvà in quanto senza i sentimenti e la concentrazione non è possibile considerare la Tefillà completa. Questo principio vale anche per la Sefiràt Haomer: se si pronuncia il numero del conteggio in ebraico ignorandone il significato, non si è svincolati dall'obbligo e, pertanto, si deve ricontare nella propria lingua.

Un altro elemento in comune tra la Sefiràt Haomer e la Tefillà è il fatto che la persona coinvolta nel loro adempimento si eleva spiritualmente e si prepara così a ricevere la Torà. La Sefiràt Haomer ci conduce al giorno in cui D-o ha donato la Torà al Monte Sinai e la Tefillà che noi rivolgiamo al Noten HaTorà (colui che ci ha dato la Torà) dovrebbe preparare l'individuo a studiare Torà e a rafforzare il suo rapporto con essa.

Da Pensieri di Torà, una pubblicazione settimanale pubblicata da Chabad a Viale Libia Roma
© Copyright, tutti i diritti riservati. Se ti è piaciuto questo articolo ti incoraggiamo a condividerlo con altri, attendendosi alle regole di copyrightdi it.Chabad.org.
 Email
Start a Discussion
1000 Caratteri restanti