Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

Il Rebbe: 114 Anni di Luce

Il Rebbe: 114 Anni di Luce

 Email

Durante i 92 anni di vita del Rebbe, e in praticamente ogni suo discorso, ogni sua lettera, direttiva, inizativa e 'campagna', il tema principale e lo scopo erano sempre gli stessi: avvicinare la Redenzione con l'arrivo del Mashiach; avviando così un'era quando il mondo sarà finalmente libero di odio e malvagità, di sofferenze e problemi: un mondo colmo della saggezza di D-o. Tale era il desiderio del Rebbe e a tale scopo dedicò la sua vita.

Il concetto della Redenzione Finale, è un concetto base della fede Ebraica; infatti il mondo creato da D-o ha il potenziale di riflettere l'infinita benevolenza e perfezione del Creatore e tale potenziale si vedrà nell'epoca del Mashiach. Per realizzare questo scopo, l'Ebreo è stato rivestito di un'anima in un corpo fisico e mandato in questo mondo terreno, con il compito di rifinire il mondo e portarlo all'era Messianica attraverso le sue azioni.

Il Rebbe usava spesso menzionare le sagge parole del grande Maimonide, espresse più di ottocento anni fa: "una singola azione, una sola parola, persino un semplice pensiero hanno il potere di cambiare la sorte e portare la Redenzione al mondo intero." Così il Rebbe incoraggiava i suoi discepoli e il mondo intero a fare più mitzvot e buone azioni poichè ognuna di esse fa un'enorme differenza.

Il Rebbe spiegava ulteriormente: l'effetto positivo generato da ogni buona azione, è eterno, mentre l'effetto generato da forze negative è semplicemente tale: un fenomeno negativo senza nessun potere esistenziale o duraturo. Il buio, per quanto spaventoso sia, rappresenta solamente l'assenza di luce. Infatti non è necessario combattere per farlo sparire, basta fare luce, poiché ove vi è luce, non c'é buio.

Oggi, l'11 di Nissan, chassidim e amici di Chabad festeggeranno il 114o compleanno del Rebbe. Centoquattordici anni di luce e benevolenza. Si, si festeggia tutt'ora poichè l'influenza del Rebbe continua ad essere sentita per i 5 continenti ove si trovano i suoi emissari, gli shluchim.

Da Kathmandu, Nepal, a Knoxville, Tennessee negli Stati Uniti, da Stoccolma, Svezia a Ciang Mai, Tailandia fino a Roma, in Italia. Ovunque-il messaggio del Rebbe, il messaggio della Torà e dell'Ebraismo vive, vive e illumina il mondo. In particolar modo in questo periodo, quando il mondo sembra talmente buio ed oppressivo le parole del Rebbe risuonano ancora di più.

"Una singola azione, una sola parola, persino un semplice pensiero hanno il potere di cambiare la sorte e portare la Redenzione al mondo intero."

In onore dei centoquattordici anni del Rebbe, decidi di fare un'altra mitzvà, aggiungi un'altra buona azione al tuo repertorio, scacciando così il buio del Esilio e avvicinando l'arrivo del Mashiach. Che sia presto nei nostri giorni. Amen.

Di Chani Benjaminson, per Chabadroma.org

Per ulteriori informazioni sulla vita e le opere del Rebbe, clicca qui.

© Copyright, tutti i diritti riservati. Se ti è piaciuto questo articolo ti incoraggiamo a condividerlo con altri, attendendosi alle regole di copyrightdi it.Chabad.org.
 Email
Unisciti al dialogo
1000 Caratteri restanti
Email me when new comments are posted.