Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

Aiuto! Ho gli incubi

Aiuto! Ho gli incubi

Come sbarazzarsi di brutti sogni secondo l’Ebraismo

 Email

Domanda: Caro Rav, Sono anni che soffro di incubi, a volte mi vengono per alcune notti di seguito e riguardano me, amici e parenti. Nonostante questi sogni non corrispondano alla realtà, ne soffro molto e mi complicano la vita. Mi spaventano a tal punto da rendermi incapace di agire. Potresti darmi una chiave di interpretazione oppure un suggerimento riguardo a chi mi potrei rivolgere?

Risposta: Ci sono molti fattori che provocano gli incubi; quello più significativo di solito sono i pensieri che si hanno durante il giorno. Come è scritto nel Talmùd, “ciò che pensi durante il giorno è ciò che sognerai di notte.” Le ricerche moderne sono d’accordo, confermando che il pensiero influisce sui sogni. Ciò è una buona notizia poiché il tuo modo di pensare è qualcosa che puoi controllare e cambiare. Proprio come ti cambi i vestiti.

Infatti i pensieri sono essenzialmente un tipo di veste, e così pure le parole e le azioni. Tuttavia sono una forma particolare di abiti. Di solito indossiamo vestiti per poter andare nei posti che scegliamo di visitare. Se scegliamo di non andare da nessuna parte, il nostro vestiario non ha nulla da dire. Ciò non è così per il vestiario dei pensieri e delle parole. Questi ultimi, infatti, se non sei tu a portarli da una parte saranno essi a condurti dall’altra. Qui sta la sfida di essere un uomo retto, ovvero di diventare padrone del proprio pensiero, parola e azione, potendo dire a un determinato pensiero “non ti voglio vicino a me” o semplicemente chiudendogli la porta in faccia. Alla fine il pensiero recepirà il messaggio ed eviterà di provare ad entrare. Questo ci dà un potere enorme, poiché i pensieri e le parole sono estremamente potenti.

Come D-o Onnipotente creò il mondo con i Suoi pensieri e parole, così anche gli esseri umani plasmano le loro vite con i loro pensieri e parole. Una mente che rimugina pensieri negativi può diventare una mente avvolta nel buio che non permette alla luce di entrare, come una finestra impolverata che non permette alla luce di entrare. Quando non c’è luce, si accumulano più polvere, buio e oscurità. In altre parole, l’energia negativa attrae eventi negativi e così il ciclo continua. Tuttavia, nello stesso istante in cui scegli di sostituire quei pensieri putridi con pensieri positivi, essi spariscono, come il buio svanisce quando si accende l’interruttore della luce.

Pertanto ti consiglio di ignorare gli incubi e le “premonizioni” e di trovare pensieri positivi con cui colmare la tua mente. Dedica del tempo in più allo studio della Torà e in seguito pensa a ciò che hai imparato; pensa a delle persone buone che conosci; visualizza tutte le belle cose che ti aspetti dalla vita. Permetti a questi pensieri positivi di creare una vita positiva.

Prima di andare a dormire recita lo Shema e pensa al significato delle parole. Guarda la mezuzà sullo stipite della porta, medita sul fatto che D-o veglia su di te e si preoccupa di te. Mettiti comodo a letto con un buon libro di argomento ebraico. (A proposito, assicurati che le mezuzòt siano state controllate recentemente da uno sofèr, uno scriba competente). Ribadisco, puoi cambiare i pensieri negativi in positivi, proprio come puoi cambiare vestiti mediocri con vestiti splendidi.

Puoi diventare ottimista, è la tua mente, dopotutto. E la tua vita.

Di Rav Tzvi Freeman per concessione di Chabad.org

Da Pensieri di Torà, una pubblicazione settimanale pubblicata da Chabad a Viale Libia Roma
© Copyright, tutti i diritti riservati. Se ti è piaciuto questo articolo ti incoraggiamo a condividerlo con altri, attendendosi alle regole di copyrightdi it.Chabad.org.
 Email
Start a Discussion
1000 Caratteri restanti