Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

Come mai si contano i giorni dell’Òmer in ordine crescente?

Come mai si contano i giorni dell’Òmer in ordine crescente?

 Email

Domanda: come mai nel periodo dell’Òmer si conta in ordine crescente fino a Shavuòt anziché fare il conto alla rovescia?

Risposta: un conto alla rovescia si fa quando tutto ciò che rimane per raggiungere lo scopo o la meta è un tot di giorni: quando il tempo passa, si raggiunge l’obbiettivo automaticamente e si contano i giorni semplicemente per indicare quanto tempo rimane.

Ma l’Òmer non è un conto alla rovescia. Quando gli Ebrei lasciarono l’Egitto, molti di loro erano immersi nell’immoralità del paese. Pensa a un principe che viaggia per una strada deserta e cade in un pozzo profondo dal quale non riesce ad uscire. Egli sopravvive per mesi e mesi fino a che alla fine è tratto in salvo da un re potente. Il re rimane impressionato dal principe e gli offre la mano della figlia. Ma il principe è appena stato liberato da una buca profonda. Egli è molto sporco, pieno di lividi e trasandato. Deve lavarsi, pulire le sue ferite, rinfrescarsi e cambiare i suoi vestiti prima di poter sposare la principessa.

Allo stesso modo, D-o salvò il popolo Ebraico dal pozzo della schiavitù egizia e ci offrì un legame eterno con la Torà. Tuttavia ci eravamo talmente contaminati dal modo egizio di vivere che non eravamo in condizioni di poter ricevere la Torà in quel momento. I quarantanove giorni fino a Shavuòt ci furono dati per ripulirci e crescere di livello ogni giorno; ogni giorno facemmo un passo avanti per diventare il popolo prescelto di D-o.

Ogni anno il conteggio ricomincia perché il periodo dell’Òmer è un periodo di miglioramento spirituale. Non stiamo contando i giorni in attesa che passino bensì stiamo salendo di livello ogni giorno.

Malkie Janowski per Chabad.org

Da Pensieri di Torà, una pubblicazione settimanale pubblicata da Chabad a Viale Libia Roma
© Copyright, tutti i diritti riservati. Se ti è piaciuto questo articolo ti incoraggiamo a condividerlo con altri, attendendosi alle regole di copyrightdi it.Chabad.org.
 Email
Start a Discussion
1000 Caratteri restanti