Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

Come mai D-o non provvede ai meno abbienti?

Come mai D-o non provvede ai meno abbienti?

 Email

Domanda: Sicuramente D-o non è ipocrita; quindi, se Egli ci dice di fare qualcosa, dovrebbe farlo anche Lui. Pertanto, D-o non dovrebbe forse essere obbligato a dare cibo ai poveri? Perché non aiuta i Suoi figli anziché comandarci di farlo per Lui?

Risposta: Supponiamo che tu conosca una famiglia che non ha cibo da mettere in tavola. Vuoi aiutarli e mandi un cospicuo assegno per posta; tuttavia l’assegno non arriva mai a destinazione perché il postino tiene l’assegno per sé.

Allora ordini un pasto online per loro, ma il ristorante sbaglia ordine e consegna il cibo a qualcun altro.

Sempre determinato ad aiutare, ordini la spesa da essere consegnata a casa loro ma il camion delle consegne non arriva.

Esasperato, vai alla App del tuo conto in banca e fai un trasferimento diretto al loro conto, ma la App non funziona.

Hai provato ad aiutare? Sì. La famiglia è stata aiutata? No. Cosa è andato storto? Sei stato deluso dal sistema. Sicuramente le tue intenzioni sono buone ma stai facendo affidamento su altri che facciano la loro parte: se però non lo fanno, l’aiuto non arriva a chi ne ha bisogno.

Indubbiamente D-o vuole aiutare tutti. Perciò ha creato un mondo che ha tutte le risorse necessarie per sfamare ogni bocca ed Egli ha messo in piedi un sistema per consegnare la merce a coloro che ne hanno bisogno.

Ci sono abbastanza soldi nel mondo affinché tutti abbiano ciò che serve loro, c’è abbastanza amore da dare ad ogni persona sola e abbastanza tempo per aiutare coloro che non possono aiutarsi. Tutto ciò che serve sono le buone intenzioni e un senso di responsabilità, da parte di chi ha di più, di condividere con chi non ha.

Noi siamo il Sistema. Tu d io. Fare la nostra parte per far funzionare il sistema si chiama tzedakà. Comunemente tradotto come carità, la parola significa giustizia poiché è giusto che diamo una parte dell’abbondanza che D-o ha designato per altri.

Perché quindi esistono persone affamate? Perché non stiamo facendo il nostro mestiere. Se non facciamo le consegne, il cibo non arriva a destinazione. Questo non è colpa di D-o bensì è colpa nostra.

Sicuramente D-o potrebbe eliminare l’intermediario e cibare gli affamati direttamente. Tuttavia ciò intralcerebbe lo scopo della creazione, ovvero quello di creare un mondo di bontà dove gli esseri umani scelgono di usare i loro doni per aiutarsi l’un l’altro.

Non abbiamo solo bisogno di nutrimento ma anche di significato, e per darci una vita densa di significato, D-o ci dà l’opportunità di dare. Quando aiuto qualcuno che è più bisognoso di me, anche io mi sto nutrendo. Dò del cibo e ricevo in cambio molto di più. Ricevo il dono di uno scopo.

Rav Aron Moss per concessione di chabad.org

© Copyright, tutti i diritti riservati. Se ti è piaciuto questo articolo ti incoraggiamo a condividerlo con altri, attendendosi alle regole di copyrightdi it.Chabad.org.
 Email
Start a Discussion
1000 Caratteri restanti