Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

Parshat Shelàch

Parshat Shelàch

Numeri 13:1 - 15:41

 Email
Moshè invia dodici esploratori nella Terra di Canaan.
La haftarà di questa settimana narra la storia delle spie inviate da Yehoshua (Giosuè) ad esplorare la città di Yerichò
Manda degli uomini (13, 1). Perché il capitolo relativo agli esploratori segue immediatamente l’episodio relativo a Miriam?
Il risultato ottenuto ha un maggiore impatto su se stesso in quanto egli deve ricorrere alle proprie forze interiori per fare anche ciò che non gli viene direttamente ordinato
Niente resiste davanti alla forza della volontà!
La culla è il luogo occupato dal neonato, pertanto, simboleggia l’esordio nella vita.
Da alcuni, queste inclinazioni suscitano il sentimento di non essere degni di assolvere a una mansione sacra
Dopo l’esplorazione di tutta la Terra quasi tutti i rappresentanti delle dodici tribù diedero espressione alle loro impressioni negative di essa
Come ai tempi d'Isaia, la prova della ricchezza è sempre ancor oggi la più difficile da superare
Perché due episodi all’apparenza simili ebbero esiti così radicalmente differenti?
La pronta ammissione della propria colpa rimane comunque di sicuro la via più semplice e immediata al fine di ottenere un perdono completo da parte del Sign-re.
Fu soltanto dopo le parole di Kalev che gli esploratori cominciarono ad aizzare il popolo.
Alle spie non era stato chiesto di decidere se entrare o non meno in Israele.
Siamo tutti in viaggio attraverso i nostri deserti personali, ognuno di noi attrezzato di materiale su misura
Quando H-shèm assegna a una persona un compito, essa può indubbiamente portarlo a termine.
Ci sono vesti che indossiamo per trasmettere l’immagine del ruolo che rivestiamo, o che vogliamo rivestire, nella società (re, dottore, poliziotto…) e che nascondono l’individuo, esse sono come una maschera.
La perplessità è ulteriormente alimentata da ciò che è evidente dalle allusioni testuali e dai midrashìm e cioè che Moshè era molto apprensivo del successo o addirittura della necessità di tale missione esplorativa.