Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
Contattaci

Parshat Vayechì

Parshat Vayechì

Genesi 47:28-50:26

 Email
Egli poté raggiungere tutto ciò senza compromessi e senza diluire la propria fede ed i principi che guidavano il suo comportamento
Yaakov aspira alla sepoltura nella grotta, che rappresenta una salita spirituale a livelli massimi. Rachel invece rappresenta la devozione per i figli e la disponibilità a perdere parte della sua completezza spirituale per il loro bene.
È giusto piangere per i problemi del prossimo, ma non per i propri problemi. Per quanto riguarda se stessi bisogna alzare le maniche e mettersi all’opera…
La parola Reuven, il nome del primo figlio di Yaacov, è legato alla vista (ראובן – ראיה) mentre Shimòn è legato all’udito (שמעון – שמיעה).
Il corpo strappato dalla sua vitalità spirituale ora nutre un materialismo senz’anima che si oppone costantemente alla voce di Ya’acòv.
È importante non affezionarci troppo al luogo che ci ospita, non renderlo troppo confortevole altrimenti rischieremmo di farne parte integrante e, di conseguenza, di non voler mai lasciarlo
È la supplica di Rachel che può ottenere la promessa Divina per il bene dei figli, e lo merita proprio per la sua "azione" altruistica di rimanere sepolta per strada per poter intervenire in loro favore
I commentatori vedono nella frase superflua – visto che il padre era morto – la causa del loro timore. I fratelli avrebbero notato, dopo la morte del padre, un atteggiamento strano da parte di Yosef.
L’Ebraismo, allora, incoraggia o meno la riflessione critica?
L’Ebraismo, allora, incoraggia o meno la riflessione critica?
È molto interessante che i Maestri raccontano un altro episodio riguardante lo Shemà sempre con Ya'acòv e proprio nei primi momenti del suo esilio in Egitto.