ב"ה

La Mitzvà del Giorno

Day 85: Positive Commandment 220, 218; Negative Commandment 358; Positive Commandment 219; Negative Commandment 359

Mostra il testo in:

Mitzvà positiva 220
La legge del seduttore

"Se un uomo seduce una vergine..."—Esodo 22:15.

Se un uomo seduce una vergine, è mitzvà seguire le leggi pertinenti menzionate nella Torà.

Mitzvà positiva 218
La legge del violentatore

"Ella diventerà sua moglie...non la può mandare via tutti i giorni della sua vita"—Deuteronomio 22:29.

Colui che violenta [una vergine] deve sposare la ragazza [se lei lo desidera].

Mitzvà negativa 358
Divorziare la vittima di uno stupro

"Ella sarà sua moglie...non la può mandare via tutti i giorni della sua vita"—Deuteronomio 22:29.

Come spiegato nella mitzvà positiva 218, colui che stupra [una vergine] deve sposare la ragazza [se lei lo desidera. Non la può divorziare [senza il suo consenso].

Mitzvà positiva 219
Il marito diffamatore

"Ella sarà sua moglie; non la potrà mandare via tutti i giorni della sua vita"—Deuteronomio 22:19.

Se un uomo diffama la sua nuova moglie vergine, accusandola falsamente di infedeltà, è mitzvà seguire le leggi pertinenti, menzionate nella Torà. Queste includono frustare il matrito e il suo obbligo di rimanere sposato a sua moglie [se lei lo desidera].

Mitzvà negativa 359
Divorziare la vittima di una diffamazione

"Non la può mandare via tutti i giorni della sua vita"—Deuteronomio 22:19.

Come spiegato nella mitzvà positiva 219, un marito che diffama la nuova moglie vergine, accusandola falsamente d’infedeltà, deve restare sposato con lei [se la moglie lo desiera] e non la può mai divorziare [senza il suo consenso].

La parashà
Parshah
Text:
Questa pagina in altre lingue