I tre giorni prima di Shavu'òt sono i tre giorni di preparazione; durante questi tre giorni ogni ebreo dovrebbe prepararsi e disporre il suo animo per ricevere la festa di Shavu'òt nel suo vero spirito.

Shavu'òt cade il 6 e il 7 di Sivan (28-30 Maggio 2020).

In molte comunità è uso decorare la Sinagoga e la propria casa con molti fiori.

In entrambe le sere di Shavuot si recita la benedizione Shehecheyanu nel Kiddùsh.

È molto importante che uomini, donne e bambini siano presenti in Sinagoga la prima mattina della festività per ascoltare la lettura dei Dieci Comandamenti della Torà.

C'è l'usanza di restare alzati l'intera prima notte di Shavu'òt, studiando la Torà e recitando Tikun Lel Shavu'òt.

C'è l'usanza di mangiare prodotti di latte il primo giorno di Yom Tov.

Shavu'òt è come tutte le altre feste in cui è permesso cucinare solamente da un fuoco che è stato acceso prima dell'entrata di Moèd. Per nessuna circostanza si può accendere un nuovo fuoco o usare l'elettricità. Per cui, è consigliabile lasciare un lumino o una lunga candela bruciare durante la Festa cosicché quel fuoco possa essere utilizzabile per il forno o per accendere un'altra candela, se serve. Eccetto che per cucinare e portare oggetti permessi (non muktze), necessarie, fuori, tutte le leggi di Shabbat si applicano alla Festa. Di conseguenza uno non può guidare con nessun mezzo alla Sinagoga, usare denaro, etc.

David Hamelech, il Re Davide, nacque e morì di Shavu'òt, è dunque usanza recitare i Tehillim (Salmi) in questi giorni.

Il giorno che segue Shavuot prende il nome di Isru Chag (Giorno attaccato alla Festa); in questo giorno non si recita il tachanun.