Here's a great tip:
Enter your email address and we'll send you our weekly magazine by email with fresh, exciting and thoughtful content that will enrich your inbox and your life, week after week. And it's free.
Oh, and don't forget to like our facebook page too!
To view Shabbat Times click here to set your location
Shabbat, 21 Luglio, 2018
Orari Halachici (Zmanim-Orari Halachici)
To view Halachic Times click here to set your location
Storia Ebraica

Nel Nove di Av dell'anno 2449 dalla creazione (1312 a.e.v.), la generazione di ebrei che era uscita dall'Egitto guidata da Moshè sedici mesi prima, fu condannata a morire nel deserto e l'entrata del popolo nella Terra d'Israele fu rinviata di quarant'anni.

Come riportato in Numeri 14 quando le spie che Moshè inviò alla Terra di Canaan tornarono con un rendiconto scoraggiante ("vedi qui" il popolo pianse tutta la notte -- la notte del 9 di av -- e asserì di preferire di tornare in Egitto piuttosto che cercare di conquistare e abitare la terra; D-o decretò che l'intera generazione avrebbe vagato nel deserto per quarant'anni finché l'ultimo di essi sarebbe morto e che i loro figli sarebbero entrati nella terra che Egli ha promesso come l'eredità d'Israele, guidati da Yehoshu'a.

Questa è la prima di cinque tragedie nazionali che accaddero il Nove di Av, riportate in Talmùd Ta'anìt 4, 6, e a causa delle quali questo giorno è stato designato come giorno di digiuno. Le altri quattro sono: la distruzione dei due Templi di Gerusalemme, la caduta di Betàr e la rasatura al suolo della città di Gerusalemme

Sia il primo che il secondo Tempio di Gerusalemme furono distrutti nel 9 di Av; il primo dai Babilonesi nell'anno 3338 dalla creazione (423 aev) e il secondo dai Romani nel 1829 (69 ev).

dai Romani nel 1829 (69 e.v.). La distruzione dei Templi rappresenta la maggiore tragedia della storia ebraica poiché segna la nostra discesa in galùt, l'esilio, una condizione di esilio fisico e spirituale nel quale ci troviamo ancora attualmente. Pertanto si osserva il lutto per la distruzione come una tragedia che tocca le nostre vite non meno della generazione che l'ebbe vissuta di persona, anche duemila anni dopo l'accaduto.

Tuttavia il Nove di Av è anche un giorno di speranza. Infatti il Talmùd racconta che il Mashiach ('l'unto', il Messia) è nato nello stesso momento in cui il Tempio fumesso a fuoco e l'esilio ebbe inizio. Ciò è in linea con gli insegnamenti dei nostri Saggi che "In ogni generazione nasce un discendente di Yehudà che è degno di diventare il Mashiach d'Israele" (Bartenura, Rut); "Quando verrà il momento, D-o gli Si rivelerà e lo manderà e lo spirito del Mashiach, che è nascosto e celato in alto, verrà rivelato in lui" (Chattam Sofer).

Link:
Il Tempio di Gerusalemme

Betàr, l'ultimo bastione della ribellione eroica di Bar Kochba, cadde il Nove di Av dell'anno 3893 (133 e.v.) dopo un assedio di tre anni da parte dei Romani. 580.000 ebrei morirono di fame o vennero uccisi, incluso Bar Kochba, il capo della ribellione.

Gli Ebrei d'Inghilterra furono esplusi dal paese dal Re Edoardo I nel 9 di Av dell'anno 1290.

Il Re Ferdinando e la Regina Isabella espulsero gli Ebrei della Spagna nel 9 di Av del 1492, ponendo fino a molti secoli di vita Ebraica fiorente nel paese.