ב"ה

Chanukkà-Mikètz

Festività Ebraiche
Chanukkà
La festività di Chanukkà commemora la consacrazione del Tempio di Gerusalemme dopo che un gruppo di guerrieri Ebrei, i Maccabei, miracolosamente sconfisse il potente esercito Greco-Siriano.
Messaggi di Luce
Ambasciatori di Luce
Ogni ebreo deve vedersi come un “ambasciatore di luce”, che quindi non tiene la sua luce chiusa in casa ma la diffonde all’esterno con tutte le possibilità a sua disposizione
Ricetta tradizionale
Domande e Risposte
Chanukà è Menzionata nella Torà?
La venticinquesima parola della Torà (in Ebraico), è 'or' luce e noi iniziamo ad accendere le candele di Chanukà nel 25° giorno del mese di Kislev
La parashà della settimana
Mikètz in Breve
Sette vacche magre, sette vacche grasse, sogni e interpretazioni e tanto altro

Ritorni felici: Due fiumi ti portano a casa: uno scorre con lacrime amare di rimorso mentre l’altro con dolci lacrime di gioia. Per la maggior parte della storia, il viaggio principale era quello amaro. Poichè solo dopo che sei impregnato in quelle acque, puoi alzarti ed abbracciare il tuo D-o con gioia.

Tuttavia ora abbiamo patito sofferenze oltre misura. Ciò che il nostro popolo ha sofferto in paesi attraverso l’oceano ha purificato ogni macchia e sbiancato ogni veste delle nostre anime, purificandoci ed innalzandoci verso l’alto.

La notte è passata. È il pomeriggio prima di Shabbat.

Abbiamo pianto abbastanza lacrime amare. Ora è il momento di tornare con gioia.

Adattato dalle parole del Rebbe di Lubavitch da Tzvi Freeman. Fonti: Margela B’Fuma D’Rava 5746, benedizione della Vigilia di Yom Kippur 5750